Barconi, galere e utopie

La questione del massiccio afflusso di richiedenti asilo in Italia è inquadrata, da ogni parte, dall’inizio e ogni giorno di più, sotto la doppia lente distorcente dell’ideologia e dell’emergenza. Esaminare il funzionamento di questa doppia lente è di estrema utilità, anche al di là della serie di fatti in questione, ma potrebbe essere ancora più … More Barconi, galere e utopie

Twin Peaks, o il genio nel tappeto

Credo sia una leggenda persiana (ma non ho controllato, e poco importa: never trust the teller, trust the tale) quella secondo cui, anche nelle simmetrie più elaborate dei tappeti più perfetti, deve essere lasciata una minuscola imperfezione, una microscopica rottura dell’ordine, per permettere al genio (djinn in arabo, una sorta di demone intramondano) di uscirne, dopo averne percorso ogni sentiero. Mi pare una buona metafora per il mondo narrativo di Twin Peaks, che concresce indefinitamente su se stesso, in una fioritura frattale che continuamente accenna al momento finale in cui si potrà cogliere il disegno complessivo, eppure non solo lo rimanda, ma lascia programmaticamente intendere che il suo demone potrà ben trovare una via d’uscita. … More Twin Peaks, o il genio nel tappeto

La massa adorante

Quando venne fuori Vasco Rossi ero un ragazzino, ma ero abbastanza indifferente a quella roba: io ascoltavo i Clash, i Joy Division e, se dovevo sentire qualcosa di italiano, i Cccp (detto per inciso: per descrivere il disagio anni 80, il ribellismo senza una causa di una generazione giustamente delusa dall’impegno settantasettino e tutta sta roba, una riga di Emilia paranoica e una mezza pagina di Frigidaire valgono millanta volte più di tutta la vita e la poetica del melenso menestrello di Zocca, come viene giustamente chiamato da Feudalesimo e libertà). Questo per dire che di quella roba lì non me ne è mai importato punto, ma transeat. … More La massa adorante

La sciagura rossobruna

Nella stagione di intensa militanza seguita al Sessantotto, cercò di affermarsi un filone detto “nazi-maoista”, che si raccoglieva intorno al gruppo “Lotta di popolo” e che cercava, con una certa confusione, di sovrapporre un abituccio nazionalista, identitario e tradizionalista alle istanze di giustizia sociale e di lotta alla democrazia borghese proprie della sinistra extraparlamentare, spesso … More La sciagura rossobruna

La trappola del piccolo

Ogni populismo, a ogni latitudine, si impaladina a difensore della piccola impresa, del piccolo commercio, dei piccoli risparmiatori, in una parola: della piccola borghesia. Si tratta di una scelta precisa o, per essere più precisi, visto che ogni scelta implica una precisa consapevolezza, della conseguenza necessaria della natura stessa del populismo, per due ordini di … More La trappola del piccolo

L’unificazione dei poteri

Diceva Machiavelli che i conflitti sono la salute delle repubbliche, e certamente quella americana è una repubblica molto conflittuale: la divisione dei poteri e la struttura federale sono una continua fonte di dispute tra esecutivo, legislativo e giudiziario e tra lo stato centrale e quelli federati; questa caratteristica, unita alla peculiare natura del sistema basato … More L’unificazione dei poteri

Grammatica, retorica e politica

Poco prima che i protagonisti arrivino sul luogo dell’atterraggio di una delle astronavi aliene di Arrival, c’è uno scambio di battute in cui lo scienziato Ian Donnelly (Jeremy Renner) contesta la tesi della linguista Louise Banks (Amy Adams), secondo la quale il linguaggio sarebbe la matrice della civiltà, affermando che invece la civiltà si identificherebbe … More Grammatica, retorica e politica

Da dove puzza il pesce?

Un detto comune vuole che il pesce inizi a puzzare dalla testa, vale a dire che il generale degrado e l’universale corruttela di questo paese sarebbe da addebitarsi innanzitutto alla perversione morale, all’incapacità professionale e alla pochezza culturale della sua classe dirigente, e in particolare a quella categoria sommamente spregevole formata dai “politici”, termine che … More Da dove puzza il pesce?

la Trumptatura

Assistere alle prime mosse del nuovo presidente degli Stati Uniti vale come una lezione in presa diretta sulla trasformazione di una democrazia in un sistema autoritario, dal suo interno e senza fare ricorso, almeno per ora, alla forza o a plateali violazioni della legalità. Quella di Donald Trump si conferma, in ogni occasione, come una … More la Trumptatura

Dispositivi – I

La tecnologia trasforma la realtà, anche quando questa realtà si intendesse in senso esclusivamente sociale: basti pensare al caso esemplare della stampa, che ha reso possibili giganteschi cambiamenti nella produzione e nella circolazione del sapere, mettendone in crisi tutte le precedenti istituzioni; e fin qui siamo al luogo comune. Una questione forse meno ovvia, tanto … More Dispositivi – I