Grammatica, retorica e politica

Poco prima che i protagonisti arrivino sul luogo dell’atterraggio di una delle astronavi aliene di Arrival, c’è uno scambio di battute in cui lo scienziato Ian Donnelly (Jeremy Renner) contesta la tesi della linguista Louise Banks (Amy Adams), secondo la quale il linguaggio sarebbe la matrice della civiltà, affermando che invece la civiltà si identificherebbe … More Grammatica, retorica e politica

Dispositivi – I

La tecnologia trasforma la realtà, anche quando questa realtà si intendesse in senso esclusivamente sociale: basti pensare al caso esemplare della stampa, che ha reso possibili giganteschi cambiamenti nella produzione e nella circolazione del sapere, mettendone in crisi tutte le precedenti istituzioni; e fin qui siamo al luogo comune. Una questione forse meno ovvia, tanto … More Dispositivi – I

Grab them by the pussy

È evidente che, se si vuole dare un senso al voto a Trump come contrapposizione alle élite, questo termine debba essere inteso in un senso che possa escludere lo stesso Trump. In altre parole, il fatto che sia un uomo ricchissimo, capace di portare alla fortuna o alla rovina intere città, di assumere o licenziare migliaia di persone, il suo stesso stile di vita sardanapalesco sono tutte cose che, evidentemente, restano al di fuori di questa definizione. Eppure, non sono certo dettagli nel personaggio Trump: la sfacciata, cafonissima esibizione di questi tratti, al contrario, costituisce un fattore di primaria importanza nella sua popolarità. Di più; Trump è sfacciatamente orgoglioso di far parte del famoso 1 per cento, di usare ogni trucco, precluso alla massa, per evitare le tasse, di fare shopping tra i politici di entrambi i partiti per curare i propri interessi; eppure, queste indubbie esibizioni di potere non lo rendono parte delle élite. … More Grab them by the pussy

La strana macchina delle parole

A tutta prima, sembra abbastanza semplice dire che cosa sia un testo: una sequenza di parole disposte in modo significativo, tale da poter essere riprodotta su diversi supporti. Chiaramente, qui si intende il termine nel suo senso più specifico, quello verbale; sappiamo bene che in molti campi la valenza di testo può essere attribuita a oggetti ben diversi: una musica, innanzitutto, ma anche una sequenza di numeri o di operazioni, un’opera d’altre figurativa e persino un oggetto d’uso, per esempio in ambito archeologico o storico (un reperto è un testo). … More La strana macchina delle parole

L’apocalisse è ieri

Confesso, senza alcun imbarazzo, la mia passione per A Song of Ice and Fire e per la relativa serie televisiva. L’improbabile lettore di queste righe può stare tranquillo: a proseguire, non si troverà di fronte l’ennesima tirata sulle narrazioni seriali e la notevole qualità di queste produzioni televisive, da parte di un tizio che quando … More L’apocalisse è ieri

La forma economica

In un commento a un post precedente, Dmitri mi chiede come mai sia passato, ex abrupto, dal tentativo di inquadrare una questione sotto una prospettiva economica a un altro tipo di ragionamento. Ho cercato di rispondergli, ma credo che la domanda sollevi una questione meritevole di migliore approfondimento, e allora ci provo. A dire il vero, … More La forma economica

Waldeinsamkeit

La sensazione di solitudine che si prova in un bosco, detta con una sola parola, Waldeinsamkeit appunto. Una sensazione che può essere l’idillio di fusione con la natura, separato dal brusio della folla umana, ma anche la minacciosa vertigine della soluzione, dell’Unheimlich, della foresta scura che per i tedeschi è tanto casa e rifugio quanto … More Waldeinsamkeit